Lettori fissi

lunedì 21 novembre 2011

FARINATA DI POLENTA TOSCANA, LA CONOSCETE?


Vi presento questo piatto tipico della mia Toscana, in particolare in autunno e inverno poichè gli ingredienti principali sono caratteristici proprio di queste stagioni: porri, farina per polenta e cavolo nero.
Quando la nostra amica Federica del blog Pan di Ramerino ha indetto questa raccolta: LA TOSCANA NEL PIATTO, ho avuto subito l'ispirazione di far rientrare questa mia ricetta nel contest!


La ricetta, mi spiace dirlo è fatta piuttosto a occhio, tenterò ugualmete di mettervi delle dosi...

Ingredienti:
Acqua 1 lt, 1 pizzico di sale, 1 pizzico di pepe, farina per polenta 180 gr, 1 porro piccolo, 1 broccolo di cavolo nero, 200 gr di fagioli bianchi cannellini

Preparazione:
Innanzitutto, mettete a lessare i fagioli cannellini. Poi lavare bene il broccolo di cavolo nero, lessarlo e tritarlo grossolanamente. Fare un soffritto con olio e porro, aggiungere i cavolo tritato, i fagioli (metà interi, metà passati al mixer) e regolare con sale e pepe. A questo punto, aggiungere l'acqua e stemperarci la farina per polenta. Aiutatevi con una frusta a mano e sbattete bene insistendo qualche minuto per mescolare bene la farina al liquido.
Riportare sul fuoco e lasciare a fuoco medio per circa 40'.

L'ideale sarebbe la pentola apposta per la polenta con mestolo motorizzato. In alternativa, siccome la mia pentola per polenta è enorme, per piccole quantità utilizzo una pentolina con rivestimento in ceramica e mi trovo benissimo. Basta ricordarsi, ogni tanto, di dare una mescolata e verrà benissimo!

Una volta trascorsi 40' di cottura, versare la farinata in scodelle o contenitori simili e lasciar raffreddare. Una volta raffreddata completamente, potete metterla tra canovacci puliti e tenere in frigo.
Quanto la riprendete, la tagliate a fette e potete friggerla con un filo d'olio evo in padella o grigliarla su una bistecchiera o meglio ancora sulla brace...






XXXXXXXXXXX

Vi lascio, con il resoconto di una giornata speciale, soprattutto per i miei bambini ma anche per noi adulti, perchè abbiamo vissuto una manifestazione incentrata sull'agricoltura, ambiente, alimentazione, la riscoperta di sapori semplici e genuini e aiutare i più piccoli a farli partecipi di realtà su flora e fauna che completano il nostro essere individui....
La manifestazione ha avuto luogo a Figline Valdarno, un centro del Valdarno fiorentino e si chiama: AUTUMNIA


All'inizio, nella piazza principale, oltre ai vari stand gastronomici di assaggi e vendita, ci ha accolto un bello spettacolo di sbandieratori.


Poi, sempre in piazza, era stato allestito un vero e proprio bosco, con piantume di foglie e terra, alberi, casotti del Corpo Forestale dello stato, fiumicello con ponte in legno, animaletti tipici della montagna e una "guida micologica" per riconoscere i funghi commestibili....




Questo è l'esempio di un seccatoio per castagne:



Ed ecco gli amici del bosco...




Qui, i bimbi si divertono a fare le formine sulla sabbia delle imprinte dei vari animali per poi, poterle riconoscere!



Era stato allestito anche un piccolo oliveto e una vigna (che si trovava alla sinistra):



Un orto con cavoli, finocchi, porri, insalate...:



Poi, non poteva mancare la visita al presidio dei vigili del fuoco. Qui un nostro amico vigile del fuoco, vecchio compagno di classe di mio marito, ci ha mostrato come è fatto un camion dei pompieri e credetemi, sentirsi raccontare le esperienze fatte sul campo anche in situazioni di fortissima emergenza, come terremoto all'Aquila o grandi incidenti ferroviari, mette proprio i brividi e ci rendiamo conto che questo è mestiere davvero ammirevole!!



E non sono mancate le prove sul posto... ^__^




Nonchè il conseguimento del diploma di giovane pompiere!!!



Si fa sera...



Una lezione di fauna....


E il ricordo dell'anniversario della nostra bella Italia....!!!

7 commenti:

  1. Non conosco questa ricetta , dev'essere buona!

    RispondiElimina
  2. Non la conoscevo, ma vorrei tanto mangiarla, ha un aspetto delizioso! ^_^
    Un bacione e buona settimana

    RispondiElimina
  3. Ha un aspetto fantastico, è un peccato non poterla assaggiare!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Non conosco la farinata toscana ma sarei tanto curiosa di assaggiarla, mi piace l'aspetto ed è sempre bello scoprire piatti tipici della nostra cucina. Bello anche il reportage della vostra giornata, gli animaletti sono tanto carucci ^-^ buona serata

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo, fino ad ora. Adoro queste ricette rustiche...Me la segno! Un piccolo invito per te, nel mio ultimo post ;-) Ciao cara

    RispondiElimina
  6. Carissima Francesca, ci scusiamo tanto per non averti scritto prima ma eravamo (fisicamente Alessia, mentre Tiziana solo empaticamente) impegnate sul fronte di un Esame di Stato piuttosto impegnativo. Ora siamo di nuovo libere di spadellare e di partecipare al "Ci scambiamo una ricetta"! Lo sai che siamo state abbinate? Noi la nostra ricettina da copiarti l'abbiamo già scelta. Hai preferenze sulla data di pubblicazione?
    Cogliamo l'occasione per passarti il "mattarello" del My 7 links project!
    A prestissimo
    Alessia & Tiziana

    RispondiElimina

Mi fa piacere sapere cosa ne pensate, non necessariamente complimenti ma anche critiche purchè costruttive! Lasciate scritte le vostre impressioni!!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails